Programmando s'impara (Clik Clak)

Intervista tratta da Zzap! numero 64 (Febbraio 1992) pagg. 70-71

[Un'intervista (certamente più completa di quella presentata su Zzap!) è stata pubblicata su Ready64. Non è più necessario disegnare l'identikit di Simone Balestra, dato che è presente una foto.]

PROGRAMMANDO S'IMPARA


Codigoro! Il programmatore della versione per Commodore 64 di Clik Clak si trova a Codigoro! Ma è l'unico posto dell'universo che riesce a essere più lontano di Cosenza dalla nostra redazione! Ma non preoccupatevi, anche questa volta i potenti mezzi tecnologici messi a disposizione dal superlativo staff tecnico della nostra redazione ci hanno permesso di superare queste apparentemente insormontabili difficoltà con... un telefono (Beh? C'è bisogno di fare quella faccia? E.T. secondo voi cosa usava?)

Anzitutto una piccola introduzione all'ultimo gioco IDEA, già uscito in versione Amiga, per chi non lo conoscesse. Si tratta di un puzzle game basato su degli ingranaggi. Questi possono essere incastrati solo su dei pioli di cui lo schermo è disseminato (ovviamente un solo ingranaggio per ogni ruota) con lo scopo di trasmettere il movimento da una ruota motrice a un'altra, generalmente disposta nel modo più scomodo possibile. A complicare il tutto ci sono naturalmente una quantità di bestioline che scorrazzano liberamente per lo schermo, ma passiamo la parola a Simone Balestra, o meglio a Giancarlo.


Giancarlo [Calzetta]: Scusaci ma la prima domanda è di rito: come hai iniziato, come sei entrato nel tunnel.

Simone [Balestra]: Scusatemi ma la risposta è di rito, come volete che abbia iniziato un ragazzo della mia età se non con quella manciata di bytes del VIC 20. L'inizio è stato più che altro autodidatta, a dire il vero ho iniziato con un amico, che si è però poi perso per strada.

Stefano [Giorgi]: OK, ma per passare da qualche tentativo di programmazione a Clik Clak il passo non è certo stato breve, cos'è successo nel frattempo?

Simone: Vi farà piacere saperlo ma tutto è nato dal vostro annuncio su Zzap! per conto della S.C. (e qui si scatenano cori di urrà, evviva, lo sapevo, è tutto merito nostro, leggere Zzap! fa bene e chi più ne ha più ne metta dalla nostra parte della cornetta). Calma, calma, non è poi stato così facile: gli ho mandato un primo demo che non ha avuto un esito molto positivo, ma ho insistito e alla fine la mia pazienza è stata premiata.

Giancarlo: E con Clik Clak come te la cavi, hai trovato qualche problema?

Simone: Be', adesso sono arrivato al fatidico punto in cui il programmatore comincia la sua lotta all'ultimo byte, contro bugs che spuntano fuori da tutte le righe del code, poche cose vanno come si vorrebbe la prima volta. Questo nonostante Clik Clak sia un gioco abbastanza semplice da realizzare a livello di programmazione. L'unica parte che mi ha dato qualche problema è stata quella riguardante la gestione delle ruote (bella forza, tutto il gioco è fatto a ruote! NdSG), di quelle ho dovuto realizzare anche la grafica.

Giancarlo: E la restante parte?

Simone: Inutile dirlo, si tratta di una collaborazione a distanza con un tipo molto bravo di Genova, ma i risultati mi sembrano buoni, anche se i tempi di lavoro... ehm... non sono stati esattamente quelli previsti. La scadenza era per il mese di Giugno... scorso, fate un po' voi i conti; il lavoro comunque è praticamente alla fine.

Stefano: Visto che ormai hai quasi finito avrai già cominciato a pensare al tuo futuro.

Simone: Sì, in progetto c'è un platform game un po' sullo stile di Creatures che ho cominciato a sviluppare con mio fratello, ma per ora non c'è nulla di concreto.


Giancarlo: Allora hai intenzione di continuare a fare il programmatore.

Simone: Certo, mi intendo anche di grafica, ma disegnare non mi piace molto; in quanto a musiche su computer invece sono proprio a zero. Nel mio futuro, comunque, ci sarà ancora a lungo un 64.

Giancarlo: E anche nel nostro, te lo garantisco.

Simone: Pronto, Maria, sono Marina, hai visto che pesce c'è oggi al mercato, ho preso due totani che sembravano ancora vivi, figurati che la Pinuccia mi ha raccontato che la sua vicina l'anno scorso, sì, proprio la Laura, la figlia del cartolaio...

Stefano: Inutile insistere, la SIP ha colpito ancora...


SCHEDA TECNICA


Nome: Simone Balestra

Età: 21

Luogo di Residenza: Codigoro

Professione: Studente di Ingegneria, ma gli manca ancora un po' (e se proprio vuoi un parere tecnico da un vecchio esperto... non ti passa più!)

Precedenti: Be', bisogna pur iniziare

Gli piace: Musicalmente parlando funky, hard, musica leggera

Gli piace di più: Entrare con un lanciafiamme a Retequattro e incenerire qualche quintale di telenovelas, se poi ci capita in mezzo anche qualche attore... meglio così

Giochi preferiti: Non è un grandissimo giocatore, ma tra la massa preferisce shoot 'em up e platform (ovvero il 90% dei giochi NdSG)

POTENTI MEZZI TECNICI


In assenza di fotografia potete disegnarvi da soli l'identikit di Simone utilizzando lo spazio apposito, in modo da farvi regalare una copia di Clik Clak quando lo incontrate.

Altezza 1.85 Occhi Azzurri Capelli Castani Abbigliamento Sportivo Fisico Slanciato Peso 70


Nessun commento:

Posta un commento